Marc O'Polo70213943501620 Sneaker - Scarpe Scarpe Scarpe da Ginnastica Basse Donna crema Primavera ea004c

Rappresentazione artistica dell’incontro tra la nostra galassia, la Via Lattea, e la più piccola galassia Sausage, avvenuto tra 8 e  10 miliardi di anni fa. La registrazione di questo antico incontro è ancora conservata nelle velocità e nella chimica delle stelle. Crediti: V. Belokurov (Cambridge, UK); Based on image by Eso/Juan Carlos Muñoz

Tra otto e dieci miliardi di anni fa non avreste voluto abitare in questa galassia, poiché la situazione sarebbe stata abbastanza caotica. Un gruppo internazionale di astronomi ha infatti scoperto che in quel periodo la Via Lattea si stava scontrando frontalmente con un’altra galassia, più piccola, che ha avuto la peggio, venendo fatta a pezzi dallo scontro. Lo schianto cosmico è stato comunque un evento determinante anche nella storia della Via Lattea, di cui ha ridisegnato la struttura, modellando sia il suo bulge -il nucleo interno- che l’alone esterno, secondo quanto descritto dagli astronomi in una serie di nuovi articoli, pubblicati su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, The Astrophysical Journal Letters e arXiv.org.

L’antica galassia nana ha lasciato le sue stelle in moto su orbite molto lunghe e strette, che le portano molto vicine al centro della Via Lattea. «Questo è un segno rivelatore che la galassia nana entrò in un’orbita davvero eccentrica e il suo destino fu segnato», commenta Vasily Belokurov, coautore di molti degli studi insieme allo studente laureato GyuChul Myeong, entrambi dell’Università di Cambridge.

Dettagli prodotto

Colore:
Crema
Stagioni:
Primavera
Stile:
Sportivo
Misura delle scarpe:
38

Marc O'Polo 70213943501620
Marc O'Polo 70213943501620, Sneaker Donna, Multicolore (Grey/Sand 922), 38 EU

Osservando la distribuzione delle velocità stellari nella Via Lattea, le stelle della galassia Sausage formano una caratteristica forma a salsiccia. Questa forma unica è causata dai forti movimenti radiali delle stelle. In questa immagine il Sole giace al centro dell’enorme nuvola di stelle, ma la distribuzione non include le stelle rallentate che effettuano un’inversione a U verso il centro della Galassia. Crediti: V. Belokurov (Cambridge, UK) e Gaia/Esa

Gli studi sono stati resi possibili grazie ai dati del satellite Gaia dell’Esa, che sta mappando le stelle della nostra galassia e i loro moti. Osservando il percorso delle stelle provenienti dalla fusione galattica, l’antica galassia si è guadagnata il soprannome di Sausage galaxy (letteralmente, “galassia salsiccia”), poiché, come spiega Wyn Evans, dell’Università di Cambridge: «Abbiamo tracciato la velocità delle stelle, e la forma a salsiccia è saltata fuori. Quando la galassia più piccola si è disgregata, le sue stelle sono state disperse su orbite quasi circolari. Le stelle nella salsiccia sono ciò che rimane dell’ultima maggiore fusione della Via Lattea».

La Via Lattea continua a scontrarsi con altre galassie, come la minuscola galassia nana del Sagittario. Tuttavia, la galassia Sausage era molto più massiccia delle altre. La sua massa totale tra gas, stelle e materia oscura era più di 10 miliardi di volte quella del nostro Sole. Quando si schiantò contro la giovane Via Lattea, la sua traiettoria penetrante causò molta confusione: il disco della Via Lattea fu probabilmente gonfiato o addirittura frammentato in seguito all’impatto e sarebbe poi dovuto ricrescere, mentre i detriti della nana si sparsero tutt’intorno alle parti interne della Via Lattea, creando il rigonfiamento al centro della galassia e l’alone stellare circostante.

HummelHUMMEL Deuce Court Womens Lo - Sneaker Donna grigio Primavera,New Balance W480SP4 viola Glamour,Tamaris 24441 neri Classico,Sneaker Vega Stringata In Pelle michael-kors beige Pelle,FIND Awa001grays2w413170215, Stivali Donna, Nero (Black), 38 EU find neri PelleYellow CabHint W - Scarpe da Ginnastica Basse Donna grigio,Ricosta RicostaBirte - Sandali Donna beige EstateOffice Milano grigio Camoscio,Kendall and KylieKkshiloh2 - Ciabatte Donna neri,Buffalo London 184522 neri,Caprice28353 - Sandali Donna beige EstateAlpina 680203 neri Inverno,Buffalo Stivale verdi,Palladium Pampa Oxford LP Floreale,Adidas CF Qtflex W bianco Sportivo,YOKONO Malibu Vaquetilla beige Estate,S.Oliver 28315 neri Estate,Inuovo 8449 neri Estate,Emanuélle vee - Zeppa ragn glit beige gulliver-collection beige Tronchetto,Liu jo - Sneaker c/ricamo cheri nero gulliver-collection neri PrimaveraIgi&co - Dfi 13874 scamosciato visone gulliver-collection grigio Camoscio,New balance - Suede/mesh tan gulliver-collection grigio Camoscio,L'amour - Sandalo velour nero pit roccia gulliver-collection bianco Velour,Birkenstock Iona marroni Primavera,Padders Louise 2 Pelle,Romika - Varese 20 neri,Nike Roshe One GS grigio CasualKallisté 5230.1 neri,NIKE Wmns Dart 12 Laufschuhe grigio Sportivo,Gioseppo Donna arancione,.

Le simulazioni numeriche della fusione galattica possono riprodurre queste caratteristiche, afferma Denis Erkal, dell’Università del Surrey, mentre le prove del rimodellamento avvenuto si trovano nei percorsi compiuti dalle stelle ereditate dalla galassia nana. «Le stelle di Sausage girano tutte circa alla stessa distanza dal centro della galassia», ricorda Alis Deason, dell’Università di Durham, compiendo vere e proprie inversioni a U che fanno sì che la densità nell’alone stellare della Via Lattea diminuisca drasticamente laddove le stelle invertono la direzione.

Gli studi hanno anche identificato nella galassia Sausage l’origine di almeno otto ammassi globulari; poiché in genere le piccole galassie non hanno propri ammassi globulari, questo indica che la galassia Sausage debba essere stata abbastanza grande. «Sebbene ci siano state molte nane satelliti precipitate sulla Via Lattea nel corso della sua evoluzione, questa era la più grande di tutte», conclude Sergey Koposov della Carnegie Mellon University, che ha studiato la cinematica delle stelle di Sausage e degli ammassi globulari in dettaglio.

Leggi anche: Fusioni nella Via Lattea: le rivelano i dati di Gaia

Per saperne di più:

Fonte: La grande collisione che ha cambiato la Via Lattea